Image
Top
Menu

Le Ricette della Zia Mina

L’impiego della Grappa nella preparazione di infusi e liquori è tradizione antica e sempre attuale.

 

LIQUORE AI FRUTTI DI BOSCO CON GRAPPA

La Zia Mina ci ha insegnato a scegliere i posti giusti dove raccogliere i mirtilli più dolci e i frutti di bosco più maturi. Secondo Lei il bosco del Sarasso era uno dei migliori. Poi Lei li metteva in infusione con la Grappa senza aggiungere altro se non un po’ di zucchero. L’infusione può durare anche venticinque giorni e il risultato è la natura in bocca.

Da degustare ad una temperatura di 12-15°C.

LIQUORE AL CIOCCOLATO CON GRAPPA

Durante la guerra erano pochi i momenti nei quali ci si concedeva un piacere della gola.
Capitava di averci qualche tavoletta di cioccolato fondente, il più delle volte veramente buono e genuino. La Zia Mina l’aveva pensata giusta: “Scaldiamoci le budella e gli animi insieme a della buona Grappa e facciamolo diventare una golosità unica”. Che macello riuscire a tenere insieme il cioccolato e la Grappa! Ma alla fine c’è riuscita.

Agitare la bottiglia prima di servire il liquore aiuta a mantenere il prodotto amalgamato; Ti sembrerà di bere un velluto.

Esalta le sue caratteristiche se assaporato ad una temperatura di 12-15°C.

 

LIQUORE AL MIELE A BASE DI GRAPPA

Da piccoli avevamo paura che le api ci pungessero. Ma la Zia Mina ci ha raccontato che le api ci regalano anche una squisitezza di cui tutti siamo golosi. E’ la Zia Mina che sa dove raccogliere il miele e da quali fiori. Aggiunto alla Grappa ci regala una morbidezza che è difficile da dire.

Il suo sapore dolce ed avvolgente risplende se gustato ad una temperatura di 18-20 °C.

 

LIQUORE AL MIRTILLO CON GRAPPA

La Zia Mina ci ha insegnato a scegliere i posti giusti dove raccogliere i mirtilli più dolci e i frutti di bosco più maturi. Secondo Lei il bosco del Sarasso era uno dei migliori. Poi Lei li metteva in infusione con la Grappa senza aggiungere altro se non un po’ di zucchero. L’infusione può durare anche venticinque giorni e il risultato è la natura in bocca.

Da degustare ad una temperatura di 12-15°C.

GRAPPA ALLA LIQUERIZIA

Avevamo ascoltato la Zia Mina quando ci parlava di liquerizia.
“Non è vero che è buona solo in alcune zone d’Italia” – diceva Lei – “Anche vicino alla nostra casa della riviera abbiamo i boschi con una liquerizia fresca ed aromatica”. Quando rimane immersa nella Grappa rilascia gusti e aromi che Ti sembra di essere in uno di quei boschi.

Si assapora, preferibilmente, a temperature di 18-20 °C.

LIQUORE ALLA MELA VERDE CON GRAPPA

La Zia Mina abitava in Valtellina. Lì le mele crescono bene. Lei andava dopo Sondrio nelle piantagioni dei suoi amici e le comprava ancora acerbe. Poi ha provato a lasciarle immerse nella Grappa. Quando bevevamo quella Grappa ci sembrava di mordere una di quelle mele.

Servito ad una temperatura di 12-15°C rivela notevole gradevolezza gustativa.

LIQUORE CON FRAGOLINE DI BOSCO E GRAPPA

Andar per il bosco alla ricerca delle fragoline divertiva molto la Zia Mina ed i bambini che sovente l’accompagnavano, aiutandola in questa sua prediletta attività. In infusione con la Grappa il piccolo frutticino le cede il proprio colore rosso brillante e tutto il suo delicato e fragrante aroma.
La Grappa acquista in complessità e mantiene le proprie note caratteristiche donando alle fragoline una piacevole e robusta nota alcolica.

Esprime al meglio il suo carattere se servito ad una temperatura di 12-15°C.

Scopri l’intera gamma